venerdì 26 giugno 2015

Curiosità: The magic world of the Amazing Randi

"From beyond the misty centuries and the hidden chronicles of the ancients, with a sweeping bow, a wave of the wand, and open arms, I welcome you to the wonderful, exciting world of Magic!

Dopo il Manuale di Magia di Silvan, non potevo farmi mancare anche quello di James Randi, "The Magic World of The Amazing Randi".
Arrivato qualche giorno fa direttamente dagli Stati Uniti, anche questo simpatico volumetto è destinato ai bambini, per indirizzarli fin da piccoli verso l'arte magica, e contiene dei semplici trucchi di prestigio per iniziare ad allenarsi a stupire amici e parenti.

Veramente, che siano semplici è tutto da dimostrare: a me non sono riusciti a primo colpo e ci vuole un po' di allenamento per eseguirli alla perfezione. Lo stesso Randi avverte che "(...) some of the tricks need only a short period of practice, while others require many hours of repetition before they are mastered. Please, wait until you are very familiar with how these tricks are done before you entertain your family and friend with them".
Il libro, che è del 1989, non propone tutti giochi originali di Randi, ma è piuttosto un'antologia di idee prese da prestigiatori di tutto il mondo: troviamo, tanto per citare i più famosi, Penn&Teller e David Copperfield rimanendo negli States, fino ad arrivare a casa nostra con un giovanissimo Massimo Polidoro.
Ogni prestigiatore è presentato con un ritratto e 
un'introduzione sul personaggio fatta da Randi stesso, mentre poi si procede con il gioco di prestigio: prima viene descritto l'effetto e, solo successivamente, come è realizzato, anche mediante delle illustrazioni.
Anche qui, giusto per dire le cose come stanno, Randi non manca di ricordare che: "Sad to say, there are some people who make their living by using trickery and telling the public that what they do is supernatural (...) They use some of the methods described in this book, though you may not recognize them. We should reject this deception if it is not presented as entertainment".
Questo libro non è di certo un must have, ma è una curiosità da avere nella propria libreria e un simpatico passatempo per i bambini, ora che sono a casa e le giornate non passano più.